13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23

 

È stato bellissimo vedere l'entusiasmo e la partecipazione sentita di tante persone che volontariamente hanno regalato il loro tempo ed il loro lavoro per la riuscita della nostra festa in occasione del 25° a riprova di come tutti la sentissero propria e di come tutti l'abbiano partecipata con spontanea passione.

È a tutti voi che a nome mio e del Cardo rivolgo un commosso “Grazie” per quello che avete fatto e quello che ancora siete pronti a fare in futuro.

Vogliamo rinnovare il nostro “GRAZIE” a chi ci ha sponsorizzato per averci aiutato ad arricchire la nostra festa con la generosità dei vostri premi e dei vostri contributi. 

Il Cardo vive di solidarietà perché costruisce solidarietà e voi ne avete colto il senso più intimo.

 

Edolo,‭ ‬1‭ ‬settembre‭ ‬2013‭ ‬-‭ ‬ ‬Discorso del presidente

Certamente quando Marinetti ai primi del novecento scrive il manifesto del futurismo lodando la velocità e il suo nume tutelare‭ “‬il motore‭”‬ non pensava che un secolo dopo questa conquista che doveva servire ad unire ed avvicinare le persone sarebbe stata declinata con il‭ ‬termine fretta,‭ ‬superficialità e di conseguenza individualismo ed egoismo.

Ma spesso c’è rimedio al danno e l‭’‬antidoto a questo equivoco è stato trovato con la volontà di riscoprire il valore di termini come pazienza,‭ ‬ascolto e incontro per così ridare dignità a chi rischiava di essere escluso o emarginato riscoprendo dall‭’‬altra parte la gioia di condividere e sostenere fatiche che insieme si sopportano con più resistenza e considerazione da parte di tutti.

Ecco che come ora,‭ ‬ma‭ ‬25‭ ‬anni fa,‭ ‬nasceva in questo stesso giorno la cooperativa sociale‭ ‬Il Cardo.‭ ‬Quanta strada si è percorsa,‭ ‬eppure quel lontano passato continua a vivere nella memoria di ognuno e oggi qui insieme rinnoviamo il ricordo di quell'evento fondativo.

Celebrare un anniversario così importante significa,‭ ‬oggi,‭ ‬ridare,‭ ‬per un giorno,‭ ‬di nuovo attualità a tutta quella stagione.

Stagione di quando tante persone misero il loro impegno civile al servizio della comunità per realizzare quello che era stato sino allora un bel sogno,‭ ‬ma che da quel momento cominciò a crescere sino a divenire la realtà solida ed il riferimento concreto per tanti bisogni di un territorio vasto,‭ ‬ma orgogliosamente unico.

Non ricorderò individualmente coloro che primi fondarono la cooperativa ad essi andrà perpetuo il merito di averla voluta e creata.

Da allora lungo è l'elenco di chi a vario titolo ha operato in tutti i modi perché lo scopo venisse perseguito‭; ‬anche di fronte alle più grandi difficoltà,‭ ‬pur con mezzi a volte limitati non ci si è mai arresi.

Troppo importante era il fine e sempre tanti sono stati coloro disposti a contribuire per raggiungerlo,‭ ‬tutti mossi da quel fuoco che si accende dentro e ti spinge a offrire la tua opera senza chiedere un controvalore venale,‭ ‬solo per il bene comune,‭ ‬sapendo che essere volontario,‭ ‬per una causa nobile come questa,‭ ‬fa bene alla cooperativa,‭ ‬che mai smetterà con il ringraziare,‭ ‬ma da una parte fa ricchi dentro anche chi dona il proprio lavoro.

Il Cardo ha più di una sorella,‭ ‬forse di qualche anno più anziane,‭ ‬ma anch‭’‬esse,‭ ‬hanno lo stesso dna nella loro missione e come buone sorelle collaborano insieme,‭ ‬condividono le stesse difficoltà e speranze,‭ ‬sono una grande famiglia e i loro presidenti sono qui a confermarlo,‭ ‬festeggiando insieme come si usa nelle famiglie affiatate.

Mi piace però,‭ ‬anche per un momento pensare al maschile,‭ ‬come se‭ ‬Il Cardo fosse un giovanotto ormai fattosi uomo adulto,‭ ‬con da quest‭’‬anno diritto di voto al senato,‭ ‬pensate ha‭ ‬già avuto‭ ‬5‭ ‬diversi tutori nella sua vita,‭ ‬i sui cinque presidenti,‭ ‬che si sono alternati in questi‭ ‬anni‭ ‬a crescerlo sano e robusto,‭ ‬rispettoso ed altruista.‭ ‬Oggi sono tutti qui a vedere il frutto del loro impegno al servizio della cooperativa e a giudicare i risultati.‭ ‬Anche questo presidente in carica,‭ ‬sicuramente un poco pasticcione,‭ ‬non gran che abile come ciambellano,‭ ‬impacciato nei riti dell‭’‬etichetta,‭ ‬ma che da sempre ce l‭’‬ha mette tutta‭ ‬per cercare di fare del suo meglio.

Da sempre,‭ ‬non solo per una ragione geografica,‭ ‬ma soprattutto per una questione di feeling,‭ ‬la collaborazione stretta con la rappresentanza municipale di Edolo,‭ ‬ha permesso di‭ ‬costruire sempre progettualità molto significative e questo è merito di una sensibilità che ogni amministrazione ha manifestato nei nostri confronti.‭

Ciò non impedisce che la situazione attuale che ha pesantemente toccato l'ossatura‭ ‬produttiva della nostra società,‭ ‬stia ripercuotendosi anche su realtà come la nostra,‭ ‬fino adesso preservate dalla crisi economica,‭ ‬è nella lungimiranza politica saper preservare servizi fondamentali come quelli forniti dalle nostre cooperative dal decadimento e garantirgli una tranquillità finanziaria che perpetui la loro funzione di garanzia e tutela sociale.

Oggi a noi resta il compito di conservare e preservare l'opera così faticosamente costruita,‭ ‬perpetuando l'impegno perché da oggi si parta per una nuova‭ ‬stagione di anniversari in cui‭ ‬Il Cardo possa celebrare la sua missione storica,‭ ‬arricchita di tanti nuovi strumenti che ne facciano viepiù un contenitore aperto e duttile a rispondere a tutte le sfaccettature del suo territorio.

Prima di chiudere permettetemi di rivolgere un ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato in rappresentanza di enti,‭ ‬fondazioni,‭ ‬associazioni,‭ ‬gruppi,‭ ‬testimoni ognuno dell‭’‬affetto sincero verso la nostra cooperativa.

Vorrei in modo particolare prima del brindisi esprimere il più profondo e commosso ringraziamento a nome mio personale e di tutti i soci della cooperativa a coloro che non per smania di protagonismo,‭ ‬da sempre assente e rifuggita nelle logiche del‭ ‬Cardo,‭ ‬ma per un sentimento di appartenenza e solidarietà forte,‭ ‬che si manifesta umile nelle forme e concreto nella sostanza,‭ ‬hanno permesso con il loro lavoro volontario di realizzare questo evento,‭ ‬sacrificando il loro tempo e la famiglia.

In nome di un ideale che‭ ‬Il Cardo rappresenta non solo nell‭’‬idea di chi vi lavora ma anche di chi lo frequenta,‭ ‬lo conosce e ne respira il profumo‭ ‬.

Un particolare‭ “‬grazie‭”‬ a Stefano Vitali che estenderà a tutti i suoi collaboratori,‭ ‬per aver curato tutta l‭’‬organizzazione e la predisposizione della festa coinvolgendo e dirigendo la macchina operativa.

Ancora un attimo,‭ ‬non posso dimenticare,‭ ‬nel chiudere,‭ ‬un segno che resterà,‭ ‬di questi‭ ‬25‭ ‬anni,‭ ‬il numero unico della rivista‭ ‬Zeus‭!‬ che raccoglie,‭ ‬come un vecchio album di figurine,‭ ‬tutta la nostra storia in immagini e parole.

Un racconto che‭ ‬narra sul filo della‭ ‬memoria ciò che siamo stati e siamo ora,‭ ‬con l‭’‬ironia sottile e disincantata di‭ ‬chi non teme di essere ciò che è e vuole solo apparire per quello che sente di essere.‭ ‬Non lasciatevelo sfuggire,‭ ‬i numeri prodotti sono limitati,‭ ‬è una chicca da conservare.‭

Siamo‭ ‬giunti al brindisi augurale:‭ ‬brindiamo tutti insieme ai‭ ‬25‭ ‬anni di vita della cooperativa ai suoi dipendenti,‭ ‬ai‭ ‬suoi volontari,ai soci,‭ ‬ai familiari,‭ ‬ai ragazzi e a tutti coloro che ci vogliono bene e ci apprezzano.

Evviva‭ !!!!

Giuseppe Capitanio

Edolo,‭ ‬1‭ ‬settembre‭ ‬2013‭ ‬-‭ ‬ ‬Discorso del Vice-sindaco

Porgo a voi tutti il più cordiale saluto anche a nome del Sindaco Vittorio Marniga - che non è presente in quanto impegnato in Mortirolo - e di tutta l’Amministrazione Comunale di Edolo che mi onoro di rappresentare. Anch’io ringrazio tutti voi che siete intervenuti così numerosi alla festa del 25’ di fondazione della Cooperativa sociale il Cardo Il Presidente dott. Capitanio ha già ampiamente illustrato in merito alla Cooperativa ed alle sue attività. Vorrei aggiungere anch’io due brevi riflessioni:

Festeggiando il compleanno, secondo consuetudine, si dice ….. “25 anni e non li dimostra” Alla festeggiata Cooperativa Il Cardo diciamo invece che ha 25 anni e che li dimostra tutti e benissimo…..ovvero ora dimostra appieno l’esperienza che ha maturato nel corso di tutti questi anni, svolgendo un servizio sul nostro territorio nel settore della disabilità e non solo.

La cooperativa il Cardo è una importante realtà:

Di promozione umana
Di integrazione
Di opportunità lavorativa
Di Volontariato

E queste caratteristiche, frutto di tutto il lavoro che essa ha svolto e tutt’ora svolge sul nostro territorio, mi fanno dire che i 25 anni di questa cooperativa non sono passati così, girando le pagine del calendario, ma sono stati contraddistinti da un intenso impegno di programmazione e di lavoro sino a giungere ad oggi, così come la conosciamo, ricca di attività e di strutture che rispondono appieno alle esigenze dei suoi ospiti , del nostro tessuto sociale e dei Cittadini di Edolo e dei paesi limitrofi. 

Non si arriva qui …. Così…… per caso…. L’impegno profuso dal 1’ settembre 1988 in poi sicuramente è stato molto: ad essa si sono dedicate a vario titolo tante persone che hanno portato nella cooperativa ciascuna la propria esperienza messa a frutto per il bene comune , nonché tempo talvolta sottratto a sènstessi ed alle proprie famiglie. Alcuni di loro sono qui a festeggiare ora, altri sono qui con noi idealmente, alcuni se ne sono già andati, lasciando un grande vuoto.

A tutti indistintamente il più sentito grazie da parte della Comunità Edolese e non solo, con l’augurio più sincero di continuare ad operare sul nostro territorio con la competenza e la professionalità dimostrata nel corso di questi anni.

Un ideale abbraccio ai ragazzi Ospiti del Cardo ed alle loro famiglie affinché permanga sempre questo spirito di reciproca fiducia e di condivisa gioia e fraternità

All’attuale Presidente dott. Capitanio ed ai Presidenti che l’anno preceduto va la nostra riconoscenza e… buona festa a tutti!

- Silvana Lucia Nana -

 

 

 

 

Scarica il pdf con l'elenco dei premi ed i biglietti vincenti!